----------------------------------------------




Ellen Craft
era una schiava nera in una piantagione che per fuggire in cerca della libertà decise non solo d'indossare abiti maschili: quelli di un proprietario terriero bianco.

Ellen era nata nel 1826, suo Padre era il proprietario di una piantagione in cui sua Madre era obbligata a lavorare, per questo motivo il colore della sua pelle fu fa sempre molto più chiara di quello delle altre ragazze schiave con cui lavorava giornalmente.

Il 21 Dicembre del 1848, lei e suo marito William, anch'egli schiavo per la stessa piantagione in cui lavorava Ellen, ottennero dai loro padroni il permesso di allontanarsi dalla piantagione per trascorrere le feste di Natale a Macon, una città della Georgia. In realtà i due quando arrivarono a Macom presero un altro treno per Philadelphia, durante questo nuovo viaggio Ellen, con indosso il suo travestimento, disse che si stava recando a Philadelphia per delle cure mediche e che William, il suo schiavo, lo stava accompagnando.
Arrivati a Philadelhia, si spostarono poco dopo a Boston, dove, aiutati da un'organizzazione per agevolare agli schiavi la fuga verso il Nord iniziarono una nuova vita.

Nel 1850 furono però costretti a fuggire, in quanto i loro vecchi Padroni, scoperto il loro nascondiglio aveva mandato due agenti perché li riprendesse e riconducesse nella piantagione. Ellen e William s'imbarcarono per l'Inghilterra e solo molti anni dopo decisero di ritornare in America, dove fondarono una scuola per bambini neri.


 
This template downloaded form free website templates