----------------------------------------------


a cura di Lau
 

Maximilien-François-Marie-Isidore de Robespierre è nato il  6 maggio 1758 nel Nord della Francia, primo di quattro figli. La madre, Jacqueline Marguerite Carraut, morì nel 1767, il Padre, per il dolore, abbandonò la famiglia e vagò per l’Europa fino al 1777 (anno in cui morì). I figli così vennero cresciuti dal nonno materno e delle zie.

Maximilien studiò ad Arras, sua città natale, laureandosi in avvocatura. Successivamente venne nominato giudice criminale dal vescovo di Arras.

Nel 1789 venne eletto deputato negli Stati Generali come rappresentante del Terzo Stato[1] e fu tra i promotori, attraverso il giuramento di Pallacorda[2].

Robespierre fece parte anche del Club Bretone che diverrà famoso come
Club dei Giacobini e nel 1790 gli venne data la Presidenza del Partito Giacobino. In questo suo nuovo ruolo chiese immediatamente l’abolizione della monarchia, l’abrogazione di privilegi a favore del clero e della nobiltà.

Fu promotore dell’abolizione della pena di morte, ma la Costituente decise di mantenerla. Subito dopo la caduta della monarchia Robespierre venne eletto come rappresentante a Parigi della Convenzione Nazionale e votò a favore della condanna a morte di Luigi XVII, nel Luglio dello stesso anno divenne membro dell'organo esecutivo dello Stato e poco dopo ottenne il controllo del Governo. Nel frattempo in Francia come all'estero si stava sviluppando un movimento antirivoluzionario , fu così che Robespierre, appoggiato dal Comitato diede via al cosiddetto periodo del Terrore[3] in cui vennero eliminati tutti coloro contrari, o sospettati di esserlo, alla Rivoluzione Francese.

Il terrore non è altro che la giustizia rapida, severe, inflessibile”.

Dopo aver mandato alla ghigliottina tutti i "nemici" della Francia, il Comitato di Salute Pubblica punta il dito contro di lui accusandolo di dittatura, così chi si sentì minacciato da Robespierre decise di allearsi con i moderati e di destituirlo dal suo incarico e votando per un atto d'accusa contro il suo operato. Robespierre viene arrestato. La mobilitazione popolare, in cui l'uomo confidava per poter ritornare al suo posto si rivela molto debole, il popolo reagisce piuttosto indifferentemente al suo arresto e il 28 Luglio 1794 Robespierre venne ghigliottinato.

-----------------------


[1] Il Terzo Stato era una delle classi in cui era divisa la società francese prima della rivoluzione, chiamato così perché in ordine di importanza veniva dopo le primi due, il clero e la nobiltà.
[2] Il Terzo Stato avanzò, con insistenza, la proposta di modificare la procedura elettorale concedendo voto individuale. In questo modo, essendo il gruppo più numeroso, si sarebbe assicurato la maggioranza. Dopo sei settimane di interruzione, i rappresentanti del Terzo Stato si autoproclamarono Assemblea Nazionale Costituente, attribuendosi il potere esclusivo di legiferare in materia fiscale.
[3] Il regime del terrore si instaura negli anni 1793/1794 ed è caratterizzato dalla brutale repressione, con sommarie condanne a morte.

 
This template downloaded form free website templates